Assicurazioni online e truffe, come trovare quelle affidabili

Nell’ultimo ventennio la digitalizzazione ha favorito la crescita esponenziale della vendita online.

I consumatori hanno iniziato ad acquistare, con sempre maggiore frequenza, libri, vestiti, servizi, prodotti e accessori di diverso tipo.

Questo trend ha coinvolto, anche se con qualche ritardo, il settore finanziario e assicurativo.

Secondo il Report “Online Insurance Trend” prodotto dalla società austriaca MOUNT ONYX, in collaborazione con l’Università di Vienna, 175 milioni di europei si rivolgevano già nel 2018 a servizi assicurativi online, contro gli 80 milioni dei sei anni precedenti.

Lo studio, basato su 31 Paesi e sulle migliori insurtech valutate in tutte le aree di business, ha evidenziato come il tasso di crescita fosse evidente già nel decennio precedente. Nel periodo 2000-2015, i canali online in Europa hanno mostrato una crescita maggiore rispetto al mercato assicurativo totale.
Nei 13 maggiori mercati assicurativi europei, i canali diretti si sono sviluppati con un tasso di crescita media annuale (CAGR) del 22% per Paese, rispetto al 5% del mercato totale.

Il numero di canali online in tutte le nazioni europee sta crescendo in modo significativo. Si registra la presenza, in particolare, in Germania e Regno Unito seguiti da Spagna, Italia, Russia e Francia.
 

Assicurazioni online e l'aumento delle truffe

Tuttavia all’aumentare della diffusione dei servizi online corrisponde anche un maggiore rischio in termini di sicurezza.

Molti consumatori mostrano infatti diffidenza verso i servizi assicurativi online per paura di essere esposti alle truffe.

Per questo motivo, prima di acquistare un prodotto assicurativo attraverso i canali digitali, diventa fondamentale conoscere tutti gli aspetti a cui prestare attenzione.

Il primo passo da compiere è verificare se la compagnia assicurativa a cui vi state rivolgendo sia presente sul sito dell’Ivass e consultare l’elenco degli avvisi relativi ai casi di contraffazione e alle società non autorizzate.

Il consumatore deve evitare di procedere all’acquisto se:

  • sul sito internet non sono presenti i dati e i riferimenti della compagnia assicurativa, come il nominativo o la sede;
  • il sito della Compagnia non mostra in modo chiaro i prodotti che offre;
  • non sono disponibili informazioni sulla storia della Compagnia;
  • si può contattare la compagnia esclusivamente tramite e-mail o Whatsapp.

Nel caso in cui il preventivo sia stato offerto da un intermediario invece è necessario accertarsi su suoi dati identificativi, i recapiti, il suo numero di iscrizione nel Registro Unico degli Intermediari, o RUI, e le eventuali sedi operative.

Con ConvieneOnline, piattaforma assicurativa leader online cerchiamo di mantenere la massima trasparenza per trasmettere la nostra serietà e professionalità. Sono sempre accessibili e consultabili tutti i riferimenti dei dipendenti, delle nostre sedi, così come i nostri codici identificativi.

 

Siti irregolari scoperti dall’Ivass

Ricordiamo che il 19 gennaio del 2021 l’Ivass ha aggiornato l’elenco dei siti di intermediazione assicurativa irregolari.

Attualmente sono presenti oltre 500 siti.

Negli ultimi anni infatti si è passati dai 53 siti irregolari scoperti, nel 2017, ai 241 del 2020, passando per i 103, del 2018, e i 168 del 2019.

Per questo motivo raccomandiamo di consultare sempre il sito dell’Ivass che svolge regolarmente le dovute indagini in tutela dei consumatori.

I Nostri Prodotti